Ai giovedì della Dozza per parlare di affido

Continuano i nostri incontri in giro per Bologna per raccontare i diversi progetti di affido e accoglienza familiare. Le ultime settimane sono state ricche di appuntamenti, abbiamo conosciuto tante persone disposte ad ascoltarci e abbiamo visitato nuovi luoghi della nostra città.

Il 30 aprile abbiamo incontrato le famiglie della parrocchia Cristo Re, in via Emilia Levante. Ad accoglierci c’erano circa 30 persone.

cristo-re

Con loro abbiamo parlato della rete delle famiglie di appoggio e del Progetto Cicogna, che prevede l’accoglienza per un tempo determinato di bambini molto piccoli; ci siamo confrontati su cosa significhi affido e affiancamento familiare e su tutte le possibili declinazioni, ma anche sulle nuove relazioni che ne nascono.

cristo-re_2

Domenica 4 maggio siamo stati invece ospiti dell’evento “I giovedì della Dozza”, che si svolge nella parrocchia di Sant’Antonio da Padova alla Dozza. Titolodell’incontro “Affido e accoglienza oggi a Bologna” e  in questa cornice molte delle realtà coinvolte nei percorsi di accoglienza familiare hanno messo a disposizione la propria esperienza. Hanno partecipato alcuni operatori del Centro per le famiglie ASP Città di Bologna, noi di Open Group per spiegare il Progetto Cicogna e la rete delle Famiglie d’appoggio, alcuni rappresentanti della Caritas per il progetto Rifugiato a casa mia e gli operatori della Cooperativa Camelot per il Progetto Vesta (accoglienza dei rifugiati in famiglia). Durante la serata abbiamo ascoltato anche la testimonianza di alcune famiglie che vivono in prima persona questo tipo di percorsi, in particolare tre coppie di genitori del gruppo delle famiglie accoglienti di Zola Predosa, alcune famiglie che accolgono bimbi piccoli e il racconto dell’esperienza di accoglienza di profughi.

E’ stato un incontro interessante e molte sono state anche le domade e le curiosità da parte delle persone presenti. A questo link trovate anche dei brevi video della serata: i giovedì della Dozza
dozza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*